Vampiri energetici: come ridurre i costi delle bollette

Il caro-bollette è uno dei trend topic del momento, infatti nell’ultimo mese il costo di luce e gas è aumentato quasi del 40% e per alcuni è addirittura raddoppiato. In questo articolo vogliamo parlarvi dei vampiri energetici, cosa sono e come ridurre i costi delle bollette con delle semplici accortezze che non tutti magari conoscono.

Vampiri energetici: chi sono/cosa sono?

Con il termine Vampiri energetici intendiamo tutte quelle unità che troviamo in casa nostra che consumano energia pur non essendo in funzione trovandosi nello stato di stand-by.

Tra questi troviamo: forni a microonde, cucine elettriche, caricabatterie per cellulari e computer, stampanti, modem e TV. Potete notare come questi sono elettrodomestici di cui una famiglia non potrebbe fare a meno.

Sebbene questi elettrodomestici non vengano utilizzati attivamente per tutto il giorno, anche stare in stand by per loro significa consumare preziosi watt che, facendo i conti al termine dell’anno, contribuiscono ad una spesa intorno ai 60-250€. Potete immaginare che questa cifra, in una famiglia con reddito medio, può essere un surplus non indifferente.

Recenti studi hanno dimostrato che l’energia consumata da questi vampiri energetici si attesti intorno all’11% del fabbisogno energetico quotidiano di una famiglia. Qui vi lasciamo un articolo con i calcoli che dimostrano quanto consumano i dispositivi in stand by.

Le normative

In Europa era stata introdotta una legge con lo scopo di regolare e di ridurre i consumi energetici dei dispositivi, quando sono in stand-by. Infatti, il loro consumo in stato di stand-by, dovrebbe attestarsi tra i 0-1 watt. In quasi tutta Europa e soprattutto in Italia questa legge non viene rispettata e l’efficienza energetica degli elettrodomestici in tale stato supera i limiti consentiti.

Questo è un discorso che non solo riguarda le tasche dei consumatori ma anche l’inquinamento ambientale. Infatti con un consumo medio di 3 watt da inattivi, i nostri elettrodomestici immettono nell’atmosfera tonnellate di Co2 che potrebbero essere tranquillamente dimezzate se non annullate.

I nostri consigli contro i vampiri energetici

In questa sezione vogliamo darvi degli efficaci consigli che possono ridurre lo spreco di energia quando i nostri dispositivi sono in stand-by o non vengono utilizzati.

  1. Staccare la spina a tutti quegli elettrodomestici che non vengono utilizzati frequentemente. Qualora gli elettrodomestici vengano utilizzati con più frequenza potete acquistare delle multiprese che vi permettono di decidere a quale prese non erogare più energia o meglio quelle dotate di timer pre-impostabili.  Ve ne lasciamo qui una serie.
  2. Tra i vampiri energetici troviamo che la maggior parte degli elettrodomestici consumano molta energia anche in stato di stand-by e in particolare quasi tutti gli oggetti “informatici” (passatemi il termine). Dato che in un mondo sempre più digitale i modem non possono essere spenti per ovvie ragioni dovete fare molta attenzione ai consumi delle console, dei caricabatterie dei cellulari e alle stampanti.
  3. Quando acquistate un nuovo dispositivo elettronico, oltre alla classe energetica, dovreste fare molta attenzione all’etichetta energetica. Questa infatti ci dirà i consumi in stand-by del prodotto che vogliamo comprare. Andando ad acquistare un dispositivo che consuma poco potreste tagliare i costi delle bollette nel lungo periodo.

Ci teniamo a precisare che questa sono dei piccoli accorgimenti che abbiamo noi nel nostro piccolo e che volevamo condividere con voi. Se l’articolo ti è piaciuto vi invitiamo a leggere anche: Pubblicità Iliad bloccata perché ingannevole.

715FansLike
1,154FollowersSegui
33FollowersSegui
Gabriele Gambinohttps://nerdhub.it/
Sto conseguendo la laurea magistrale in Ingegneria Informatica, cinefilo e videogiocatore incallito, nel web ho trovato la mia passione e grazie ad esso comunico con gli altri. Non prendetemi troppo sul serio, sono il clown della redazione.

SCOPRI ANCHE