Play to earn games cosa sono e come guadagnare

Play to earn games

Quante volte ti è stato detto di smettere di giocare alla playstation o al telefonino perchè sono solo una perdita di tempo? Beh sappi che adesso è possibile giocare ai videogiochi ed essere pagati per farlo. Come? Giocando ai play to earn games ovvero dei giochi in cui vieni pagato in base alle ore ed ai risultati che consegui nel gioco.

TL;DR

Negli anni i videogiocatori hanno potuto monetizzare il proprio tempo solo attraverso la vendita (legale o meno) di oggetti o accessori ottenuti in gioco. I play to earn games sono dei giochi in cui i giocatori vengono ricompensati attraverso delle transazione che vengono validate attraverso la blockchain e più in particolare alla tecnologia degli NFT (Non Fungible Token).
La tecnologia su cui si basano gli NTF dà possibilità ai giocatori di avere la certezza di essere gli unici a possedere un determinato oggetto all’interno del gioco.
Tale oggetto può essere successivamente scambiato in cambio di denaro fiat o dei token di scambio.

Play to earn games come funzionano

I giocatori all’interno dei play to earn games possono collezionare oggetti/equipaggiamenti/ornamenti unici e tale unicità viene garantita appunto grazie al concetto di smart contracts implementato negli NFT sulla base del concetto di blockchain.

I giocatori diventano quindi i possessori a tutti gli effetti di un determinato oggetto e qualora un altro giocatore fosse interessato all’acquisto di quest’ultimo dovrebbe offrire un compenso in denaro reale o attraverso altri Token che possono essere scambiati in un secondo momento sulle piattaforme exchange come ad esempio Bianance.

Con il concetto classico di videogioco siamo abituati a giocare esclusivamente per un nostro piacere personale, non abbiamo nessuno che ci spinga a giocare di più se non la passione stessa che proviamo per quel gioco.
Con i play to earn games il giocatore è incoraggiato a giocare e grazie anche alle sue abilità video ludiche sarà in grado di ottenere un ritorno economico.
Ci teniamo però a precisare che il guadagno economico non è però garantito vale la legge del mercato se c’è domanda di un determinato oggetto potreste avere un’offerta per quest’ultimo e viceversa.

Play to earn games quali giocare

Il gioco play to earn per eccellenza, in quanto apripista di questo genere, è Axie Infinity.
Un gioco in cui il meccanismo di scambio e quindi di guadagno funziona attraverso la commistione del token ETH (Ethereum) e dal wallet Ronin che ci permette di collezionare e scambiare oggetti in game e mantenere le fee basse.
Lo stile grafico e le meccaniche del gioco sono molto simili alla celeberrima saga di Pokémon, lo scopo del giocatore è sfidare altri Axie (il nome dei mostri) che possono essere controllati dall’IA del gioco o da uno opponente in carne e ossa dall’altra parte dello schermo.

axie Ininity Play To Earn Games

Al termine dei combattimenti possiamo ottenere dei nuovi mostri o delle ricompense che successivamente possono essere scambiate in cambio di pochi centesimi o millesimi di ETH.

axie Ininity PlayTo Earn Games

Dovete pensare che due anni fa (Novembre 2021) un AXIE è stato venduto per la modica cifra di 300 ETH che al cambio attuale (Gennaio 2022) corrisponderebbero a circa €700.000.

Quindi cosa stai aspettando perchè non cominciare a monetizzare grazie ad un play to earn games? La tua passiamo può essere anche la tua principale fonte di guadagno.

Sei hai trovato questo articolo interessante pensiamo potrebbe interessarti: come il salmone è finito nel sushi. Grazie a Project Japan la più grande trovata di marketing mondiale.

715FansLike
1,154FollowersSegui
33FollowersSegui
Valerio Gambinohttps://ko-fi.com/K3K0JBZ8
Sono nato a Palermo nel 1996. Studio presso l'Università di Palermo "Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni" e lavoro come PHP Developer. Il web è lo strumento con cui comunico le mie passioni: il mondo Tech, il calcio e la Formula1. Mi interessano molto anche i Social Media, come comunicare con essi e come farsi notare in questo mare di pixel, ADS e frammenti di codice.

SCOPRI ANCHE