Recensione Razer Basilisk Ultimate: un buon compromesso tra USB e wireless

Il Razer Basilisk Ultimated è un buon compromesso tra chi preferisce i mouse cablati con tecnologia USB e chi invece preferisce quelli wireless, difatti Razer non limita la possibilità di scelta e ci permette di utilizzare questo fantastico device come meglio ci aggrada. Prodotto lanciato nel 2019, il Razer Basilisk Ultimate, continua ad essere una valida scelta quando vogliamo andare a comprare un mouse che ci permetta di giocare agli FPS in maniera ottimale, ma anche usarlo per la vita quotidiana e d’ufficio. Ma andiamo con ordine e vediamo cosa troviamo all’interno della scatola.

Packaging e accessori

Razer è molto attenta ai dettagli, infatti il packaging con cui si presenta questo device è molto accattivante:

  • Razer Basilisk Ultimated.
  • Dock di ricarica.
  • Cavo USB.
  • Manuale d’istruzioni.

Sul contenuto e l’aspetto della scatola non abbiamo molto da dire, bene la ridotta quantità di plastica all’interno così da facilitarne lo smaltimento.

Esperienza d’utilizzo

Abbiamo provato il Razer Basilisk Ultimated per due settimane, sia in ambito lavorativo/d’ufficio che giocando agli FPS del momento. Con un peso approssimativo di 107 grammi e 11 tasti programmabili, siamo rimasti veramente contenti dal comportamento di questo gioiellino. Sulla parte anteriore del mouse troviamo dei piedini di alta qualità realizzati in puro PTFE, questo aumenta la comodità con cui il mouse scivola sul tappetino. La tecnologia wireless Razer HyperSpeed permette di giocare agli FPS con una precisione quasi assoluta (attenzione non assicuriamo buone prestazioni se l’utilizzatore è un bot a pedali). Pur essendo un fattore soggettivo, l’ergonomicità di questo mouse ci ha lasciato soddisfatti. Razer dichiara un’autonomia di 100 ore con luci spente e di circa 20 ore, con luci settate su livelli medio/basse. La posizione di ricarica è molto intuitiva e sarà la stessa dock a segnalarci quando sarà il momento di ricaricare il mouse, infatti la combinazione di quest’ultima varia in base alla percentuale di carica rimanente.

 Tasti e loro programmazione:

Come detto precedentemente questo mouse è dotato di 11 tasti totalmente custumizzabili grazie al software Razer Synapse, ma su questo ci torneremo tra poco. I due pulsanti laterali sono facilmente raggiungibili ed utilizzabili nel giro di pochi millisecondi, quindi comodi qualora volesse assegnare dei comandi nel gioco a cui state giocando. Stesso pensiero riguardo i tasti che stanno sul dorso del mouse che ci permettono di regolare i DPI. Unica cosa che fa storcere il naso è la rotellina, non ci piace tanto la sensazione che dà quando la utilizziamo pur avendo cercato di regolare la resistenza grazie al tasto che abbiamo sul retro del mouse.

Recensione Razer Basilisk Ultimated

Razer Synapse:

Grazie a questo software, che Razer vi consiglierà di scaricare una volta collegato il mouse, vi sarà permesso di customizzare la configurazione dei tasti e l’illuminazione sia del mouse che della dock. Per quanto riguarda l’illuminazione possiamo scegliere sia l’intensità che la combinazioni di colori (Static, Breathing, Wave, etc.). Sempre grazie a Synapse saremo in grado di configurare 5 stage del nostro mouse e configurare i livelli di DPI con cui ci troviamo meglio e, attraverso i tasti presenti sul dorso del mouse, passare da uno stage all’altro con molta facilità Il Basilisk, grazie al sensore ottico Focus+ è in grado di gestire fino a 20k DPI e adattarsi al meglio a qualsiasi superficie su cui lo stiamo utilizzando. Infatti cercherà sempre la calibrazione migliore per adattarsi al meglio alle nostre esigenze. Per i più smaliziati invece c’è la possibilità di fare la calibrazione manuale del mouse e quindi personalizzare come meglio si preferisce i settaggi del mouse.

Razer Basilisk Ultimate: Considerazioni finali e prezzo

Chi sceglie un prodotto razer sa che il prezzo della periferica che sta comprando è molto alto ma sa anche che riceverà un prodotto di qualità. A noi il Basilisk ha davvero stregato, lo troviamo perfetto. Due cose non ci sono piaciute particolarmente:

  • cattivo feedback della rotellina e mancanza di scorrimento infinito.
  • impossibilità di customizzare i pezzi che compongo il mouse come avviene invece su altre periferiche razer.

Il prodotto di cui vi abbiamo parlato è del 2019, un po’ vecchiotto ma ancora al passo con quello che offre oggi il mercato, quindi se volete comprare un ottimo mouse, questo fa al caso vostro.

Razer Basilisk Ultimate
  • Packaging e Accessori - 9/10
    9/10
  • Durabilità e Cura - 10/10
    10/10
  • Qualità e Caratteristiche - 8.5/10
    8.5/10
  • Qualità/Prezzo - 8/10
    8/10
8.9/10

In Breve

Il Razer Basilisk Ultimated è un buon compromesso tra chi preferisce i mouse cablati con tecnologia USB e chi invece preferisce quelli wireless

Potresti anche essere interessato a delle cuffie? Dai un’occhiata a queste di cui abbiamo parlato in precedenza, ti lasciamo il link qui.

715FansLike
1,158FollowersSegui
33FollowersSegui
Gabriele Gambino
Gabriele Gambinohttps://nerdhub.it/
Sto conseguendo la laurea magistrale in Ingegneria Informatica, cinefilo e videogiocatore incallito, nel web ho trovato la mia passione e grazie ad esso comunico con gli altri. Non prendetemi troppo sul serio, sono il clown della redazione.

SCOPRI ANCHE

Recensione Razer Basilisk Ultimate: un buon compromesso tra USB e wirelessIl Razer Basilisk Ultimated è un buon comprom...