Pc

Guida alla creazione di un Blog #1 – Introduzione

Differenze fra WordPress.org e Wordpress.com

Sei un neofita del web e sei alla ricerca della piattaforma migliore per creare il tuo sito o il tuo blog?
Ti hanno detto di dare un’occhiata ai servizi offerti da WordPress? Bene allora ti sarai sicuramente accorto che esistono due soluzioni per il tuo blog, WordPress.org e WordPress.com.

Sebbene il nome possa far pensare che stiamo parlando della stessa cosa non è esattamente così.

WordPress.org

È la soluzione migliore se vuoi dare un’impronta decisamente più professionale al tuo sito/blog, adesso ti spieghiamo anche il motivo.
La versione .org viene installata direttamente sul tuo dominio, l’installazione avviene dopo aver fatto l’upload del file di setup (che trovi qui) tramite FTP (Protocollo di Trasferimento Dati), per far questo vi consigliamo di utilizzare il CPanel da cui moderate il vostro dominio o attraverso FileZilla.

Il processo di upload varia a seconda dell’ampiezza di banda della vostra connessione internet.

Terminato il processo di installazione seguite le istruzioni che vedete sullo schermo e una volta terminata la configurazione il vostro sito è pronto per essere personalizzato al meglio.

Il punto di forza di WordPress.org è l’alta propensione alla personalizzazione, tutto è facilmente modificabile tramite temi e plugin già esistenti, creati da altri sviluppatori, essi possono essere gratuiti o pagamento.

WordPress.com

La versione .com invece è completamente diversa dalla precedente, infatti il nostro sito sarà ospitato su di un dominio di proprietà di WordPress e avrà un prezzo variabile a seconda del piano da noi scelto, il costo riportato è mensile ma la fatturazione è annuale.

piani e costi abbonamenti wordpress

Facendo due conti vi accorgerete che a seconda dell’hosting che scegliamo il prezzo di WordPress.com è più elevato dell’acquisto di un semplice domini.

Differenze fra la versione .com e la versione .org

Come detto in precedenza la versione .org è più professionale in quanto vi permette di caricare WordPress direttamente sul vostro dominio e disporrete di un accesso a tutti i file contenuti in esso, potrete modificare il CSS (il foglio di stile) e se siete bravi con PHP (il linguaggio che sta alla base di WordPress) potrete anche modificare il codice del sito.
Proprio su questo aspetto dobbiamo soffermarci, infatti con WordPress.com non è possibile accedere alla totalità dei file del sito, solo con l’abbonamento “Premium” avrete la possibilità di modificare solamemente il CSS.

Come detto prima quindi il punto di forza di WordPress.org è l’elevata personalizzazione.

WordPress.com non permette, nella versione gratuita, di installare plugin. Solo con il piano Business ed eCommerce sarà possibile installarli. Quindi se siete dei principianti e non avete intenzione di spendere una fortuna, la versione Business potrebbe non fare al caso vostro.

Google AdSense

Adesso invece vogliamo parlarvi della monetizzazione, se infatti avete intenzione di guadagnare qualcosa con i contenuti da voi creati forse avrete sentito parlare di Google AdSense.
Come fa intuire la parole con AdSense andremo ad inserire dei banner pubblicitari all’interno del nostro blog/sito, che ci permettono di guadagnare attraverso i click su di essi.

Dovete sapere che non tutti i piani consentono l’inserimento dei banner AdSense, per inserire i banner dovrete infatti sottoscrivere almeno l’abbonamento “Premium“.

Google Analytics

Altra grande mancanza del versione gratuita di WordPress.com è l’impossibilità di inserire all’interno del sito lo script di Google Analytics che permette di monitorare diverse statistiche del nostro sito (accessi giornalieri, aree di accesso, canali di traffico ecc).
Solo sottoscrivendo il piano “Business” sarà possibile utilizzare i servizi offerti da Analytics.

Conclusioni finali

La versione .org è sicuramente più conforme a chi vuole dare al proprio blog un tono più professionale e la sua alta propensione alla personalizzazione è il quid in più.
La versione .com invece ci sentiamo di consigliarla a chiunque si stia cimentando nella creazione (amatoriale) di un sito/blog.

Noi siamo a disposizione qualora aveste bisogno di ulteriori chiarimenti.

Questo articolo ti è stato d’aiuto? Se cosi fosse continua a seguirci sui nostri canali FacebookInstagramTwitter Telegram per restare aggiornato su tutte le novità del mondo tech.

Potrebbe anche interessarti: Google ha deciso di investire in WordPress “Google Site Kite

Tags
Mostra Altro

Valerio Gambino

Nato a Palermo nel 1996. Studio presso l'Università di Palermo "Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni" Il web è lo strumento con cui comunico le mie passioni: il mondo Tech, il calcio e la Formula1. Mi interessano molto anche i Social Media, come comunicare con essi e come farsi notare in questo mare di pixel, ADS e frammenti di codice.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Ad Blocker Rilevato

Se ti piace il nostro sito, supportaci disabilitando il tuo ad blocker